Logo ArchiofficinaN

 

 

Architettura-Urbanistica

RESTAURO-Arredamento-Design

 

 

 

IL NUOVO COMPITO DELL'ARCHITETTURA

Architettura [dal lat. architectura] - arte di formare, attraverso mezzi tecnico-costruttivi, spazi fruibili ai fini dei bisogni umani*.
L’emergenza Covid-19 ha cambiato radicalmente, in un arco temporale brevissimo, il modo di vivere e di pensare di milioni di persone.
Questo scenario, del tutto nuovo, ci ha portato a riflettere sulla nostra professione e su cosa significhi effettivamente progettare oggi “spazi fruibili ai fini dei bisogni umani”.
*www.treccani.it
 
 
 
 

PROGETTARE PER LE PERSONE, NON SOLO CONTRO IL VIRUS

Il periodo della quarantena ha imposto necessarie limitazioni della libertà individuale. L’inizio di una fase di convivenza con il virus e di controllo dell’infezione al di fuori degli ambienti sanitari, rende ora indispensabile trovare una “nuova normalità”. Illuminanti le pratiche suggerite da Mass Design Group* per la progettazione Covid-19:
Design for social distance, not social isolation; Rethink material selection and treatment of surfaces; Make your spaces breathe better; Temporary shelters are never temporary; Design for people, not just against pathogens.
*Mass Design Group è un team internazionale di oltre 120 professionisti, specializzato nella progettazione per il controllo delle infezioni.
 

QUALI RISORSE PER LA "NUOVA NORMALITA'"?

Le case hanno introiettato una miriade di funzioni alle quali è necessario rispondere con forme adeguate.
Spazi intermedi quali cortili, logge, balconi, giardini, terrazze condominiali, spesso ridotti a luoghi di passaggio, sono diventati indispensabili valvole di decompressione tra interno ed esterno. Quali risorse sono disponibili, in un momento di crisi economica, per “realizzare” la nostra “nuova normalità”? Su quali sgravi possiamo contare? Ecco alcune indicazioni:
Super bonus per l’edilizia di qualità”, per l’efficientamento energetico e l’adeguamento sismico delle abitazioni; “Bonus facciate”; “Bonus verde”.
https://www.agenziaentrate.gov.it/portale/

Rio: Le Pescherie di Levante

Nel corso dell’ultimo anno sono apparsi sui quotidiani locali articoli che hanno evidenziato l’interesse di alcune associazioni culturali al recupero delle Pescherie di Levante. L’edificio progettato da Giulio Romano ed il fabbricato annesso, messi all’asta dalla precedente amministrazione, hanno riacquistato importanza grazie anche alla volontà dimostrata dal nuovo Sindaco e dalla giunta di un recupero del Rio nel suo complesso.

Il recupero di questo canale che dal Porto di Catena sul lago Inferiore entra nella città attraversandola tutta fino a raggiungere le sponde del Lago Superiore, costituisce sicuramente una tappa fondamentale del percorso da intraprendere per rinsaldare il rapporto che la città da sempre ha avuto con l'acqua e l’ambiente che la circonda. I laghi hanno infatti costituito per Mantova, difesa, fonte d'energia per mulini e attività produttive e fonte di sostentamento per agricoltura e pesca.
Il fascino che le Pescherie Giuliesche ed il Rio esercitano su di noi, ci ha portato a sviluppare una proposta progettuale che possa costituire un contributo ad una nuova idea di città, volta a valorizzare la vocazione turistica del suo patrimonio artistico ed ambientale.

foto1Le Beccheriefoto2Il ponte delle Pescheriefoto3La spiaggettafoto4Sottoriva

La soluzione prevede di realizzare all'interno dell'edificio, di proprietà del Comune, a lato delle Pescherie di Levante, una scala che scenda dalla quota della loggia ai sottostanti locali che si affacciano sul Rio. La stessa scala concepita come uno percorso espositivo, consentirebbe di creare un collegamento diretto ai locali che si trovano al di sopra delle Pescherie

 

 

  

Un intervento così concepito, oltre a non avere alcun effetto visivo sull'ambiente esterno, favorirebbe il recupero delle Pescherie che potrebbero essere messe a disposizione di associazioni culturali per incontri, conferenze, mostre ed esposizioni. Negli ambienti che si affacciano sul Rio sarebbe inoltre possibile realizzare un piccolo bar.

 

foto5foto6foto7foto8

Back to Top